PROPRIETA' INTELLETTUALE E VIA DISCORRENDO

Seppure mi sia sempre compiaciuta di leggere i miei post riportati sugli altrui blog o spazi virtuali di altro genere ,adesso sono stanca di sentire leggere alla radio i miei scritti da signorine che dichiarano di esserne le autrici e di leggere le mie storie anche sulla carta stampata con nomi e luoghi diversi ma senza cambiarne nemmeno le frasi dei discorsi.Vergonoso per chi ruba la proprietà intellettuale ,ma anche per chi la promulga senza verificarne la fonte .Smettetela altrimenti oltre alla Escort potreste conoscere anche il suo avvocato!

martedì 17 marzo 2009

paura

Cosa può farmi paura ? La finanza forse, ma non tanto visto che ho un giro ristrettissimo di attività da cui ricaverebbero nemmeno il 10 % di quello che potrebbero impiegare per tacchinarmi . Anzi più aumenta la mia importanza nell'azienda e di conseguenza il compenso e più diminuiscono gli incontri, anche perchè non ne ho più bisogno ormai . La paura più grande è quando è Giulio a prendere gli appuntamenti , quando ci presentiamo come coppia ed io non so nemmeno chi verrà , che voce abbia, se nella sua inflessione dialettale ci sia traccia di qualche collega, qualche parente, qualche conoscente .

Ho paura , una paura fottuta di ritrovarmi di fronte mio cognato, mio zio, il mio vicino, il mio collega, il mio capo , il salumiere,paura fottuta paura .Il cuore batte forte mentre questi salgono le scale, io mi faccio piccola piccola in un angolo della stanza mentre Giulio apre la porta e poi sento la sua voce che dice – Buongiorno, buonasera, salve, è permesso- e mi sforzo al massimo per carpire in quelle mezze frasi se dall’altra parte di quella porta ci sia la persona che potrebbe sconvolgere per sempre la mia vita . Qualche volta mi nascondo in camera, ed aspetto lì come un agnello da sacrificare, gli occhi sul pavimento, lo sento avvicinare , poi alzo lentamente lo sguardo e vedo i loro occhi compiaciuti dai seni in bella mostra e dalla mia maestosità sul tacco 12 e poi quel viso , quei lineamenti per fortuna sconosciuti . Cosa succederebbe se un giorno mi trovassi davanti ad uno che appartiene alla mia vita di tutti i giorni .Una volta una collega del lavoro serio parlando delle puttane disse “ Immagina quelle in 2 ore si fanno quello che noi facciamo in 3 giorni” Ma ,ci sarebbe da risponderle, in un minuto ti sputtani per tutta la vita. Sì la puttana è puttana, non và capita, perdonata, compresa. Vende il suo corpo e non è giusto .Magari c’è chi regala il suo corpo per distruggere una famiglia, per amaliare un padre e marito e distruggergli la vita come è successo al mio ex marito , ma quella magari è perdonabile perché non si è fatta pagare .
Cosa succederebbe SE…………..Non ci devo pensare, ormai il mio giro è così ristretto che posso dire di avere solo un giro assortito di amanti fissi.
Il pericolo mi è corso accanto parecchie volte, fino alla settimana scorsa quando ho aspettato che la piccola andasse a letto per fare il bucato e la pulizia degli attrezzi del mestiere. Ho preso i miei bei baby doll , le mie autoreggenti ,i miei reggiseni in pizzo, scarpette e bende in latex e l’ho messe ad asciugare fuori sulla terrazza ben nascoste da un armadio delle scope .Durante la notte ho avuto un malessere ed ho dovuto chiamare il padre della bambina al mattino per accompagnarla all’asilo . Ma giusto quella mattina la maestra aveva chiesto che portassero una bottiglia vuota per un lavoretto, dico al padre di andare a rovistare nell’armadio delle scope .Immaginate la sua faccia, e la mia quando ormai era troppo tardi per fermarlo . Mi guarda come se avesse di fronte un mostro, poi balbetta qualcosa come ""Vedo che ci siamo fatte dei regali per allietare il fidanzato""Taglio corto dicendo che non era il caso di parlarne davanti alla piccola .Ma poi è tornato , ho cominciato a tergiversare dicendo che erano prestiti di un amica che dovevo restituire da tempo, poi ho detto che era roba che avevo già dai tempi del matrimonio , poi forse lui ha capito che c’è UN uomo nella mia vita. Non l’ho smentito , a lui è bastato che gli assicurassi che non fosse una cosa seria . Sono stata disattenta lo so, ma ormai è successo . Ha riempito di domande la piccola, ma da lei non potrà sapere nulla perché quando è con me in casa tengo spento il cellulare e le uniche persone con cui mi sente parlare sono sua zia e i colleghi di lavoro per scambi di cortesie . L’unico abbigliamento osè che mi ha mai visto addosso è una camicia da notte di Hello kitty un po’ troppo corta.
Quando per il corso aziendale ho dovuto condividere giornate intere con colleghi e colleghe la paura di mostrarmi Rita , anche in uno sguardo , in un atteggiamento era tanta. Avevo paura a lasciare anche la mia borsa poggiata su di una sedia ..se me la fossi dimenticata ? Se nell'andare a cercare i miei documenti per rintracciarmi qualcuno fosse incappato nella sacchettina di seta con i preservativi ? E se invece qualcuno trovasse il mio cellulare e nella cartella MARE 2003 trovassero le foto>> pubblicitarie >>mie e di Giulio ? In uno di queste crisi di panico ho cancellato tutto l'archivio del cellulare ed ho cestinato il sacchettino di goldoni . Il blog si è salvato solo perchè ci scrivo sempre con il vecchio pc di mia nipote che nessuno ormai pensa sia più capace di navigare in rete ed ho paura di accedervi anche dal mio compiuter personale.
bbw escort cicciona prostituta grassa bambolona xxl cicciona gaudente

7 commenti:

  1. Gia la paura, la paura di essere scoperti perche fin che fai le cose "giuste", sei sposato e hai dei figli, sei uno che lavora, non hai grilli per la testa, ti comporti come vuole il tuo tempo, come cio che il tempo e lo spazio in cui vivi è considerato "normale" o "accettabile" allora va tutto bene, ma se vivi un "pensiero diverso" allora puoi inciampare nell'avere paura e nel fare paura....... In genere si ha paura dello sconosciuto, dell'imprevisto, come sarebbe se un tuo cliente arriva, apre la porta e ti ritrovi tuo zio? cosa diresti? Forse proveresti un grande sollievo di liberta a dire: "questa è quella che sono divenuta e ho scelto quello che ho voluto non badando ai giudizi del mondo.....". Sai ora da un po di anni frequento ogni tanto una donna che all'inizio ho conosciuto come prostituta, lei ha piu o meno smesso, ora ogni tanto si vede con me, ogni tanto, e quando ci vediamo parliamo, ci reccontiamo, condividiamo pensieri, passato, presente e futuro e mi piace guardare il suo sguardo incantato, lei è ormai parte del mio sogno realizzativo e in un certo senso lo sono tutte le donne con cui sono stato, in un certo senso lo è tutto il mondo.......
    Cosa sarebbe se i alcuni di quelli che conosco, ad esempio i miei genitori scoprissero questa mia frequentazione? Bhe oggi voglio essere libero e dire a tutti, a chiunque, "mia scelta", libero di guardare negli occhi DIO e dire "mia scelta", senza vanita, senza superiorita, senza infeiorita, senza bullagine, etc., ma solo con quel senso di liberta che ti nasce dal cuore quando vedi un alba o le stelle, o il vuoto tra le stelle, o il sole tra gli alberi, o ascolti il vento o l'uccello notturno che canta, liberta che gusto mi da la liberta, potrei morire per essa oggi come oggi senza rimpianti o esitazioni........ Non ho ancora avuto questo coraggio fino in fondo ma ogni giorno mi muovo verso la totale liberta che è rappresentato dal flusso eterno della natura, dell'universo, del cosmo, della vitalita nella sua essenza.....
    Non avere paura caro essere, la tua storia, è da insegnamento per molti uomini e donne; hai sofferto e ti sei concessa per sofferenza e tanti rapporti uomo-donna anche quelli matrimoniali, quelli cosiddetti "accettabili" sono basati su conflittualita, scontro, dolore, sofferenza, potere che uno cerca sull'altro..... L'amore è una cosa meravigliosa, ma si ha da realizzare in sè prima di tutto per poterlo vedere riflesso in chi ti sta di fronte......
    Nenache a me piaciono i giudizi della gente, spesso mi sono tenuto in disparte, amo il vento e non il vociare del pettegolezzo o sentirmi additato o giudicato per le mie scelte e se a volte "non ho detto tutto" e ancora oggi lo faccio è per il quieto vivere, per non tirarmi addosso troppi uragani, e a vedere bene fino ad ora, a volte, ho scelto di continuare a camminare e le salite sono state diverse, e sto ancora camminando ma sono nella stima di me stesso, e non vorrei essere nessun altro tranne che me stesso........ Quindi se incontrero i giudizi della gente per un qulunque motivo (e ce ne potrebbero essere diversi, visto che sto vivendo un sogno che potrebbe mettermi "contro" quelli sono ostinatamente attaccati alla ripetizione del passato, della storia), voglio riuscire ad amare, ad essere libero rispetto ad essi, a riconoscere Dio in ogni essere umano e ad amare chi mi sta di fronte permettendo il loro giudizio; l'amore verso tutti e tutto, il permettere a se stessi e verso tutti e tutto, è liberta, liberta......... Cosa a difficile a dirsi, se sempre messo alla prova quando inizi con questi pensieri e spesso sono caduto, ma fino ad ora mi sono rialzato e ho intenzione di continuare a farlo, sempre, verso l'eternità...... Non avere paura caro essere, se incontri qulcuno che ti giudicherà, o che ti addita, bhè il piu grande atto che puoi fare è ammettere quello che sei, dire che lo sei e che ami te stessa, che ti ami e che la tua vita ti ha insegnato molto, non giustificarti, ama quello che sei e ama chi ti sta di fronte qualunque cosa dica, identificati in un idea di gioia e beatitudine di te stessa, non in quello che il mondo dice di te........ Che l'amore sia con te e ben venga il tuo lavoro aziendale, il non avere piu bisogno ne fisico, ne psicologico di fare la prostituta; ama e vivi in liberta e che ogni tua azione sia fatta in liberta e nell'amore verso cio che sei e verso il mondo...... Ciao Piernulla

    RispondiElimina
  2. come fai a diventare piccola piccola tu eeh? gioco .

    RispondiElimina
  3. @ PIERNULLA - alle volte si sbaglia, alle volte si pone rimedio. i pregiudizi e gli status obbligati da ciò che vuole la gente ci serve a non strafare ad andare sempre con moderazione anche negli errori .

    RispondiElimina
  4. @FEDELE LETTORE : purtroppo la nostra stazza si misura in rapporto a quanto mangiamo, ma se la stazza fosse in base alla nostra stupidità ? come faresti a diventare piccolo tu ? tvb gioco anche io

    RispondiElimina
  5. Non so come la pensano gli altri uomini, ma personalmente adoro le donne ben in carne, ma molto ben in carne. Vedo in giro (ma questo non riguarda solo le "ciccione") donne trascurate, con trucco e capelli non in ordine, non profumate... uomini e donne dobbiamo uscire tutte le mattine come se stessimo andando ad un incontro galante. Sono un esteta e me ne vanto. Er

    RispondiElimina
  6. ho già accennato di come fossi anche io una cicciona trasandata.rifiutarsi fisicamente porta al rifiutare di curarsi . poi nasce qualcosa che è simile alla rabbia, alla vendetta, al riscatto che diventa lentamente autostima e serenità .
    comunque lasciatelo dire da una donna che di uomini ne frequenta, non tutti gli uomini escono di casa come se andassero a fare la cresima, anzi alcuni vanno ad un incontro galante pensando che facendo un bidè hanno risolto tutto.adesso che cominciano i primi caldi poi...

    RispondiElimina
  7. forse la paura è l'intrigo più grande di questa attività

    RispondiElimina