PROPRIETA' INTELLETTUALE E VIA DISCORRENDO

Seppure mi sia sempre compiaciuta di leggere i miei post riportati sugli altrui blog o spazi virtuali di altro genere ,adesso sono stanca di sentire leggere alla radio i miei scritti da signorine che dichiarano di esserne le autrici e di leggere le mie storie anche sulla carta stampata con nomi e luoghi diversi ma senza cambiarne nemmeno le frasi dei discorsi.Vergonoso per chi ruba la proprietà intellettuale ,ma anche per chi la promulga senza verificarne la fonte .Smettetela altrimenti oltre alla Escort potreste conoscere anche il suo avvocato!

venerdì 25 dicembre 2015

RACCONTO EROTICO NATALE 2015--Sta tranquillo Luis ..ci vedono tutti


Ci son momenti in cui il perizoma che sega fra le natiche diventa un abitudine,come il fare sesso ,far sprofondare nel nulla quella fame di coccole e rivestirti in fretta per non imbarazzare il cliente sotto uno sguardo troppo appagato,troppo romantico,troppo presunzioso per essere incluso in un contratto di un ora.
Però alle volte te ne dimentichi e resti lì a chiacchierare con lui di mutui,viaggi e diete dimagranti fallite ,poi un flash ti attraversa il cervello che in quel momento legge i suoi pensieri che magari staranno dicendo 
"Ebbene mi lasci andare ? Ti ho pagata ed ora che cazzo vuoi ,ho da lavorare io, mica come te che bivacchi su questo letto chiamandolo lavoro" povero Luis ,così gli chiudo la porta in faccia e riassetto il letto.
Probabilmente le sue colpe ci sono ,Luis è stato un simpatico perditempo per anni ,scriveva e chiamava senza mai arrivare al sodo,altri come lui venivano salvati in rubrica come "no" ,ossia uomini a cui non rispondere perchè ti chiamano solo per fare i piacioni e recuperare una scopata di compassione gratis,ma lui era così garbato.
Quando me lo sono visto di fronte era il classico uomo che a Natale metto come dono da voler ricevere sotto l'albero.
Ho sempre pensato che i Big Man desiderassero donne magre , una supposizione stupida visto che io Big Woman ho un'attrazione per gli uomini con la mia stessa fisicità.
Lo sguardo di Luis però và oltre al solito aspetto teneroso di noi polpettoni,quello è uno sguardo che buca.
La sua arts amatoria invece è classica di noi paciocconi, c'è sempre il momento in cui ti deve ricordare che è brutto ,grasso e incapace,magari gli dovrei rispondere con una buona dose di rassicurazioni ma le frasi di circostanza con lui non reggono, perciò gli scoppio a ridere in faccia anche quando il suo cazzo è lì  per esplodere.
Un giorno decidemmo di andare in un alberghetto  di un piccolo paese del sud Barese,dove spesso si ferma a prendere un caffè .
"Mettiti in tiro eh Rita !"
"Ma scherzi Luis ? Vedono entrare una zoccola vestita da zoccola ti sputtani lo sai ? Meglio il travestimento da signora grassa e occhialuta a cui vuoi vendere dei pacchetti finanziari perdenti"
"No fai come ti dico ti prego"
"Avanti spara,quante scale mi devo fare sui tacchi?"
"Qualcuna ,e cerca di farle sculettando"
"Tu sei tutto scemo,ecco perchè sei un mio cliente "
Eccolo lì decadente e tipico con i soliti vecchietti seduti al bar che ancora devono finire di costruire castelli sul perchè il ragazzo con la Ford nera abbia preso una stanza ;ed ecco una donna scendere da un macchinone degno del suo culone fasciato in un vestito verde che ondeggiando un pò incerta su dei tacchi così sottili che sembrano spezzarsi sotto tutto quell'ondeggio verso il bar ..uno di loro non resiste forse mi sorride o è un ghigno di sofferenza,troppe emozioni oggi!
Le indicazioni erano chiare "entra nel bar e vai verso sinistra dove ci sta un frigorifero vuoto,ci stanno delle scale e sali direttamente ,ho già parlato con il proprietario"
L`ambiente e` tipico fermo a trent`anni fa.
"Oh guarda qui la coperta Lanerossi !! Credevo che esistesse soltanto un esemplare nella cantina di mia nonna !E  il bagno in camera nel vero senso della parola,se mi metto a pecora posso pure farmi uno shampo nel lavandino !"
"Dai che ci divertiamo "
"Con quei vecchi che stanno di sotto che aspettano di vederci uscire smunti e spettinati ?"
"Per l'appunto !Cosa fai perchè ti spogli ?"mi solleva il vestito "Mhh ok reggicalze con tanga perfetto brava !Prendi il telefono adesso e vai davanti alla finestra "
"A fare ?"
"Ohhh scch fai come ti dico "
Rimetto l'odioso tacco e mi dirigo verso la finestra,sinceramente la vista è deliziosa...la piazza,la chiesa,il piccolo parco e la gente immersa nella slow life tipica di questi posti.
"Apri la finestra su da brava ..."mi squilla il telefono
"Ma sei tu ?"lui mi è di fronte 
"Rispondi"
"Buongiorno Luis dimmi ti manco ?"
"Affacciati"
"Buongiorno Luis mi sono affacciata ,e una signora con le buste cariche di rape e mandarini si è fermata a guardarmi cosa vuoi?"
"Benissimo continua a parlarmi ma dal telefono non girarti a guardarmi"lo sento inginocchiarsi dietro di me e comincia a percorrermi lentamente con le dita
"Va bene Luis ma con queste dita sui polpacci mi viene difficile"
"Invece lo devi fare"
"Se dici che si può fare..però non è che quei vecchi la sotto ci sentono?"
"Che importa"
"Mi vergogno"
" Tu ???Ma dai !"
"Ascolta adesso quelle cose stanno salendo .."
"Ti avevo chiesto calze a rete "
"Avevo fretta scusa ,non le ho trovate..ohh dai non così ..lento"
"Perchè?"
"Perchè poi si potrebbe accendere"
"Cosa ?"
"Quell'affare di cui dovevamo parlare lì dalla Lanerossi"
"Mhh come si staccano queste cose...ferma lì ti ho detto continua a parlare,la signora ti guarda ancora ?"
"No,però c'è un ragazzo fermo su di  uno scooter che mi sta ammiccando"
"Tac ,staccato..facciamo scendere piano piano questa calza,no no ferma.."
"Non troppo lento Luis non è corretto"
"Allora la tiriamo di nuovo suuuu e poi la tiramo giù.."
"Cazzo Luis no ..ehm non è possibile non mi avevi illustrato tutto mi cogli impreparata"
"Sì parecchio impreparata,hai la pelle d'oca "
"Perchè è lento ed io mi...confondo"
"E' bello confonderti...sentiamo un pò..uhm umidiccia,non sei abbastanza confusa "
"No lì no non è possibile, non si ricevere senza appuntamento"

Esce il suo dito dalla mia fessura ed assaggia
"Dai ho solo sentito il grado di umidità"
"Basta.."
"Il ragazzo sullo scooter è ancora lì ?"
"Eh si credo stia aspettando qualcuno"
"Ti guarda ?"
"Abbastanza.."
"Ti piace ?"
"Senza posteriore...minutino"
"Metti che ha un cazzo da cavallo"
"Di solito infatti quelli così nascondono sorprese hahah..guardalo ride pure lui che cretino"
"Togliamo anche questa...intanto"
"Oh si e togliamola..lento lento"
"Oh Rita stai  chiudendo gli occhi !"
"Uffa hai ragione ,dai Luis basta andiamo sul letto"
"No...ma i capezzoli stanno reagendo un pochetto?"
"Non lo so,il telefono in mano..tu che fai le passeggiate lente ,quello che mi guarda,i vecchi di sotto cosa vuoi che senta cosa succede sotto l'armatura ?"
"Toccali no?"
"No !"
"Si"
"E allora ferma ste dita"
"Ok dai metto le mani in dietro però parla ancora e fatti vedere"
"Pronto sì adesso vedo cosa mi dicono..ehm ma cosa c'entra che adesso usi la lingua.... straniera."
"Togli le dita hai detto"
Faccio per sistemarmi un ciuffo di capelli dietro il collo ed indugio con la mano che faccio scivolare nella scollatura.
"Sai Luis credo che anche loro siano propensi per la Lanerossi"
"Come sono"
"Abbastanza rigidi sai..irremovibili"
"E' ora di prendere provvedimenti "mi allarga le gambe e si infila proprio sotto di me "siediti mi sembri stanca"
"Guarda lo farei con tutto il cuore co sti tacchi,solo che tu.."
"Io..?-comincia a giocare con il filo del tanga-"sempre così umidiccia,sentiamo il sapore.."
La sua lingua entra maledettamente lasciva e dura fra le mie natiche,sento un fremito che mi scuote con lo stesso lento e caldo movimento.
"Io ..ehm dico direi che adesso basta"
"Mhh lui è ancora lì? "
"Sì adesso c'è un altro uomo con lui "
"Mhhh e lo sanno che ti sto masticando questa pelliccetta riccia"
"Oh mamma la pelliccetta no Luis che poi.."
"Senti ma i capezzoli che dicono"
"Che fra un po esplodono con tutto il resto..oh ehi Luis non così ahh forse era meglio lento"
La sua lingua si infila nella mia fessura affamata che sembra cercarlo,mentre mi succhia veloce il clitoride il bacino sembra staccarsi da me e lo segue in questa forsennata danza.
"Brava Rita sì così scopami la faccia"
"Oh mamma mia..ma quello mi guardaaah e c'è pure un vecchio che è uscito dal bar si è girato.."
"Sì sì ...è bello?"
"E' bello sì sì "
Luis allunga una mano nella mia valigetta ,finalmente prenderà un preservativo e scoperemo sul letto sono sicura..
"Non girarti..vuoi che capiscano ?"
"Cribbio Luis,pronto,ma sencondo te quanti minuti ho in questo telefono che sto qui da mezz'ora?"
"Eh una come te la si chiama , mica chiama lei,avesse il tuo numero quello dello scooter per esempio.."
"Ah credo che un tentativo di chiamata vorrebbe farlo"
"Mhh tutto timido , magrolino  e con il cazzo grosso"
"Ahahah bang,sorpresa ,sì succede"
"Lo senti..?"mi accarezza con il mio vibratore
"Mettilo tu il cappuccetto Luis non all'omucolo a batterie"
"Per me c'è tempo"
"Tempo ? No dai io non duro troppo in questo..contratto"
"Mhh senti come ti scivola bene dentro ..."
"Luis è troppo"
Lui si sitema fra le mie gambe e riprende a succhiarmi il clitoride mentre con la  mano continua a penetrarmi con il vibratore..
"Ecco dai hai visto quanto è grosso il motociclista lo senti?"
"Si ahh abbastanza"
Mi prende il clitoride fra i denti..
"Ed io ? Senti pure me ?"
"Alla facciaaah  si certo ho capito tutto..sì sì ,siii sii ho capito ma forse è meglio che..non credo che regga la signora"

"Brava ti tremano le gambe..siediti"
"No ,si ,si va benissimo,ma no no dai"
"Mhh dai siediti allargati tutta da brava Rita"
"Potresti farti maaale nooo"

"Sii "i colpi diventano più intensi,fortissimi"lo vedi anche il motociclista vuole arrivarti in fondo"
"Oddioo Luis ma lo sai che è pesante la signora"
"Mi dici sempre che ti piacciono gli uomini maestosi perchè reggono i tuoi stravolgimenti..stravolgimi"

"Guarda che arriva.."e mi siedo,completamente coperto dalla mia bramosità dilata sul suo viso,la sua lingua continua a stimolarmi forte,lo sento tutto avvolto dai miei umori. è scivoloso ,bagnato da un fiume di voglia.
Attinge sapientemente le sue dita in quelle oasi di piacere per preparare il mio buchetto ,ci entra piano prima con un dito ,lo accarezza per farlo arrendere alla sua dolcezza e quando mi rendo conto che cosa stia accadendo è già dentro che muove le dita allo stesso ritmo della sua lingua.
"Luis chiudiamo questa cazzo di finestraaa ti prego,voglio urlare,voglio chiudere gli occhi"
Si solleva dentro il mio vestito e continua a penetrarmi con il vibratore e le dita..mentre con la lingua percorre tutto il perimetro dei miei sontuosi fianchi.
"Non ti sento..."
"Non posso urlare ,cè gente qui sotto"
"Come?"

"Luis io ho deciso che sia arrivato il momento di farla liberare del tutto sta cosa"
"Non ti senti libera..?Allora ti aiuto io .."
Si accosta a me e guarda dalla finestra..
"Effettivamente è magrolino il motociclista.."
"Non sussurrami che mi ecciti di più..e poi starà pensando che quel coglione con quella donna in camera che fa?La guarda telefonare"
"Impotente eh.."
"Ricchione..pervertito..porco "
"Mhh ..Troia fatti vedere come godi"Mi solleva il vestito ed entra con l'asta così eretta che sposta il perizoma senza aiutarsi con le mani.
"Uhh Luis .."

"Il motociclista ?"
"No qui no la doppia alla finestraaaa ah ah no "
Mi strattona e mi spinge sul letto..
"Basta hai ragione ,sono al culmine anche io"mi mette lì proprio a guardare quel lavadino che ci ha fatto tanto ridere appena entrati..ed affonda ,affonda forte,mentre lo aiuto a tenere fermo il vibratore in vagina che scivola fra le mie umide voglie.Sono persa in questo vortice di piacere mi afferra forte i fianchi ed improvvisamente mi gira

"Prendi.."mi porge il telefono"chiama giù il barista digli che porti qualcosa in camera .
"No no dai continua"

"Guardati che occhi..adesso mi mangi"
Mi chino prendo la sua verga fra le labbra e comincio a succhiare..lui continua a guardare il display del telefonino.
"Ah siii Rita..sta squillando,parla.."

"No fottiti"
"Eh Carlo sono Pierluigi,la mia amica..ehm  vorrebbe ordinare  ah ah qualcosina ce la ..cioè puoi..ehm portare qui se lei ..ehm ti dice cosa..eh eh cosa vuole?"
Sentirlo parlare come un dodicenne che si sega mi distrae e rido..mi passa il telefono e mi rivolta a ponte e riprende a stimolarmi il buchetto mentre mi penetra con il vibratore
"Sì ecco ...siccome..se non ehm non è di disturbooo ,uhm ok si allora..un paio di Brioche...ah ah ah no no non importa basta che non sia con le noccciole o nuteeellaaa..uh perfettoo ed un paio di caffè..no no! Normali..ok ok si due ,tre si tre bustine come vuole tranquilo ah  grazie..(chiudo) stronzo,bestia,guardone ,sudicio segaiolo"
"Shh..abbiamo esattamente il tempo di preparazione di due caffè per finire...pronti ?"
"Viaaaa"


Buon Natale...
Si ringrazia Luis per aver interpretato il solito ruolo da eroe della missione impossibile fra le mie chiappe.




2 commenti:

  1. Auguri Rita Buon Natale
    Maurizio

    RispondiElimina
  2. Come posso
    Contatti scusa la volgarità appena ho visto la tua foto mi sono eccitato immensamente.

    RispondiElimina